L’amministrazione comunale fossanese fa il punto della situazione sul verde cittadino

A poco più di un anno dall’avvio della nuova collaborazione con la ditta Teknogreen di Torino che ha vinto l’appalto per la gestione e cura del verde cittadino, l’Amministrazione comunale di Fossano fa il punto della situazione, analizzando gli interventi effettuati e quelli in corso d’opera.

Il lavoro di gestione del verde è ovviamente stagionale. Per questo motivo, a partire dall’autunno e per tutta la stagione invernale, sono stati effettuati per lo più interventi di potatura, mentre ad inizio primavera i tecnici hanno provveduto alla piantumazione di nuovi alberi, alla semina delle aree adibite a prato e all’abbellimento delle aiuole fiorite. In questo periodo l’attività principale è quella legata al taglio e sfalcio del verde.

A Fossano la Teknogreen è presente con 7 addetti, di volta in volta suddivisi in più squadre, impegnati sul territorio dal lunedì al venerdì. Gli interventi riguardano sia gli spazi cittadini che le frazioni.

Sono a disposizione dei tecnici 3 tagliaerba professionali, alcuni decespugliatori, due piattaforme aree (mezzo più comunemente indicato con il termine di cestello) di cui una in grado di raggiungere i 28 mt. di altezza, un camion per il trasporto del materiale lavorato e una cippatrice che viene utilizzata sugli alberi di grandi dimensioni.

Le squadre della Teknogreen vengono costantemente seguite dal personale comunale che fa capo all’ufficio Agricoltura. Periodicamente l’agronomo comunale e il geometra addetto definiscono con i responsabili dell’azienda i piani di lavoro, sulla base della programmazione annuale approvata dalla Giunta, tenendo conto delle necessità e delle urgenze.

In centro città l’attività di potatura è iniziata il 13 novembre in viale Regina Elena, a cui hanno fatto seguito i lavori in via San Michele, via Travaini, viale Isonzo, al Parco cittadino e al Centro Diurno in via San Bernardo. Le squadre si sono successivamente spostate in viale Mellano, viale Bianco e viale Sacerdote. Le potature hanno riguardato anche il Cimitero urbano, le piante della scuola dell’Infanzia Dompè, i giardini di via Savona, l’area verde di Santa Lucia e via Bongioanni. Sono state inoltre pulite le scarpate in via Circonvallazione nel tratto compreso tra via Villafalletto e via Centallo.

Il 1° marzo le squadre si sono trasferite in frazione, dapprima a Maddalene (sul piazzale del cimitero e presso la scuola elementare) e San Sebastiano, dove sono stati eseguiti lavori sulla piazza e nel giardino della scuola materna; gli interventi sono proseguiti nei cimiteri di Loreto e Mellea, poi a Murazzo, dove, oltre al cimitero, si è lavorato sulla piazza delle scuole e nei pressi del monumento ai Caduti. A Cussanio le squadre del verde si sono occupate degli ippocastani all’ingresso della frazione.

Sono stati potati complessivamente 550 alberi: il materiale di risulta delle potature ha prodotto tonnellate di residuo verde che ha influito positivamente sulla percentuale della raccolta differenziata.

Nel corso dei primi mesi del 2018 sono stati abbattuti 5 alberi al Parco cittadino e 3 nell’area verde di Santa Lucia: si è trattato dell’abbattimento di piante vecchie e malate, non più stabili e sicure che nel prossimo autunno, periodo indicato per la piantumazione , saranno sostituite da nuovi alberi. Nel frattempo saranno eliminati i ceppi con il loro apparato radicale e preparati i terreni per accogliere a dimora le piante scelte.

In primavera sono stati piantati 3 nuovi alberi a Maddalene e uno a San Martino.

Tra le attività svolte dai tecnici c’è quella di verifica della stabilità delle alberate: 22 le piante sottoposte a controllo al Parco cittadino, un esame scientifico per valutare la stabilità e il grado di salute degli alberi ad alto fusto, soprattutto di quelli più longevi, proprio come quelli di viale Alpi, alcuni dei quali risalgono alla fine dell’800 e ai primi anni del ‘900.

A completare questo quadro, anche la realizzazione di un aiuola in via Novara in collaborazione con alcuni cittadini e l’avvio del progetto di pulizia del giardino all’ingresso della scuola Celebrini ad opera di un volontario.

Prezioso il contributo di Pilatos Joao, il rifugiato che collabora con l’Ufficio Agricoltura: al suo lavoro si devono la pulizia dei marciapiedi e di alcuni spazi in piazza Dompè, in via Argentera, piazza Rafaela, via Palocca, via Coniolo e via San Michele.

Con l’arrivo della bella stagione sono iniziati i lavori di taglio delle aree destinate a prato. Nel corso dell’estate l’operazione dovrà essere ripetuta più volte. Sono già stati oggetto di taglio dell’erba i giardini delle scuole materne, elementari e medie, sia in città che in frazione; alla scuola Einaudi è stato seminato il prato sul retro dell’edificio. In occasione del XXV Aprile gli operatori hanno provveduto alla pulizia e al taglio delle erba in prossimità dei cippi in memoria dei caduti, mentre per San Giovenale hanno infiorato le aiuole e collocato i vasi di gerani sugli alberi in ferro. E’ stata tagliata l’erba in via Marconi, nella zona del Bastione, in piazza d’Armi, lungo Salita Salice, in piazza Foro Boario, via Argentera, piazza Rafaela e sulla rotatoria in via Cuneo, mentre in via Torino, via Circonvallazione, via Narzole, via Pacchiotti, alla fontana della Palocca e al Centro ippoterapico si è provveduto allo sfalcio dell’erba.

L’Amministrazione è moderatamente soddisfatta. E’ stato eseguito un numero di interventi considerevole e i programmi sono stati rispettati, ma il giudizio finale sarà scritto dopo che ci saremo lasciati alle spalle l’estate con le sue giornate soleggiate e caldissime che metteranno a dura prova fiori e verde.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*