In provincia di Cuneo un’azienda su tre è agricola

Quella di Cuneo è la provincia “green” per eccellenza: con oltre ventimila aziende, il settore agricolo è il primo per numero di imprese iscritte in Camera di Commercio con un valore di poco inferiore al 30% ed il podio vale anche per il numero di aziende in rosa (35,3%) e per i giovani impegnati in agricoltura (21,6%). Anche in ambito regionale, secondo la ripartizione delle imprese in Piemonte, con il 37,7% Cuneo è la provincia dove l’agricoltura ha una marcia in più.

Il rapporto Cuneo 2018, presentato questa mattina in Camera di Commercio, fotografa una realtà che gode di buona salute ed è in continua evoluzione. “I dati economici – evidenzia Tino Arosio, direttore di Coldiretti Cuneo – confermano che la capacità di innovare e di coniugare le sfide con il mercato ed il rispetto dell’ambiente, la valorizzazione delle eccellenze del territorio e l’attenzione al sociale rendono l’agricoltura sempre più protagonista del mondo produttivo”.

Le condizioni atmosferiche – con le gelate primaverili e la grave siccità estiva nel 2017 – hanno condizionato il livello produttivo e di conseguenza anche l’export ne ha fatto le spese, ma nel complesso il sistema agroalimentare ha tenuto con un aumento di oltre il 20% della vendita di prodotti alimentari all’estero.

“Assistiamo ad un processo di rinnovamento che è di vitale importanza per le aziende con un numero consistente di giovani che entrano nel mondo agricolo, subentrando sia nelle attività di famiglia, sia creando nuove imprese”, confermano i vertici di Coldiretti Cuneo e cresce il numero di persone che vi lavorano con oltre 50mila addetti tra lavoratori autonomi e dipendenti.

Durante la presentazione del Rapporto in Camera di Commercio, sono state presentate le aziende 4.0 e a rappresentare il mondo agricolo vi era un giovanissimo imprenditore: Matteo Fusero, che lavora nell’azienda agricola paterna e accanto all’allevamento di vacche da latte, ha avviato un impianto di trasformazione per produrre e confezionare direttamente in azienda il latte, vendendo i prodotti ai negozi sul territorio e arrivando direttamente nelle case dei consumatori.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*