Anna Mantini: “Buon lavoro presidente Casellati!”

“Come cittadina e come esponente politica, mi congratulo con la senatrice di Forza Italia Maria Elisabetta Alberti Casellati prima donna a presiedere palazzo Madama e la seconda carica dello Stato. Congratulazioni che si associano agli auguri di buon lavoro in una legislatura che, per effetto della legge elettorale e del sistema tripolare creatosi in Italia, si annuncia non facile” commenta così la consigliera comunale di Fossano, Anna Mantini, l’elezione a presidente del Senato di Maria Elisabetta Alberti Casellati.

“Proprio perché – prosegue Anna Mantini – ho segnalato fin dall’inizio i rischi che questo meccanismo di elezione comportava a danno della rappresentanza femminile nelle Istituzioni di Camera e Senato – rischi purtroppo concretizzatisi, basti vedere il rapporto fra eletti ed elette nel solo Piemonte – il mio augurio è che questa importantissima designazione sia un risultato non solo formale o – come avvenuto nel passato quinquennio – vacuamente di lessico o di vocabolario, ma sia viceversa destinato a incidere, d’ora in avanti, nel merito delle scelte legislative. In questo senso leggo di buon auspicio le dichiarazioni della neo Presidente Casellati nel proprio discorso di insediamento, sia sul riconoscimento del ruolo passato e presente delle donne nella costruzione del Paese, sia sulla possibilità di accedere finalmente a traguardi non più preclusi, e si sa quanto ciò ancora sia ambizioso e complicato da raggiungere! Considero queste parole molto importanti come linea di indirizzo da affidare al lavoro del Parlamento e del futuro Governo”.
“Le loro primissime traduzioni – conclude la consigliera fossanese – concrete dovranno infatti riguardare interventi per rendere effettivo nei numeri l’equilibrio tra eletti ed elette (non più soltanto tra candidati e candidate!) e per mettere fine a una delle pagine più tragiche e barbare della nostra attuale Italia: i femminicidi tentati o consumati e le violazioni fisiche, sessuali e psicologiche, di fronte a cui leggi, condanne e strumenti in vigore sono un argine oramai inesistente di fronte all’ondata di violenza contro le donne. Buon lavoro quindi, Presidente Casellati!”

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*