Al Santa Croce di Cuneo impiantata la 1ª protesi interamente biologica al mondo

Una protesi per interventi a livello cervicale costituita da materiale interamente biologico. L’ha progettata il direttore della Neurochirurgia dell’azienda ospedaliera S. Croce e Carle di Cuneo Michele D’Agruma e ieri (giovedì 17 maggio) l’ha impiantata per la prima volta al mondo in un paziente operato presso l’ospedale cuneese. Da oggi la ditta che l’ha prodotta comincia a commercializzarla e vi sono già ordini provenienti da mezzo mondo tra cui l’Arabia Saudita.
Quali i vantaggi? D’Agruma: “Il materiale (detto smarbone, ndr) gradualmente si salda all’osso e diviene parte della struttura cosicchè il paziente non avrà piu’ per tutta la vita un elemento estraneo nel proprio corpo”. Anche la riabilitazione sarà piu’ rapida: un mese e mezzo anziché i circa 3 richiesti con l’utilizzo del materiale sintetico, con un miglioramento notevole della qualita’ della vita.”

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*